Eventi

Adiconsum: lunedì 6 febbraio si presenta l’iniziativa contro l’olio di palma

Parte da Caltanissetta una nuova “crociata” contro l’olio di palma, bandito già da molte industrie alimentari nazionali. L’Adiconsum di Caltanissetta, sposando l’idea di Sicoil, azienda nissena che si occupa di consulenza ambientale nel settore dei rifiuti, impegnata a divulgare la forte campagna mediatica sulla pericolosità dell’olio di palma, ha deciso di intestarsi l’iniziativa facendosi carico della registrazione del marchio, della promozione sul territorio e della gestione organizzativa e tecnica.

Lunedì prossimo alle ore 9,30, nei locali della Cisl in via Canonico Pulci, verrà presentato il marchio e il regolamento dello stesso che prevede, per garantire maggiormente i consumatori, vincoli e obblighi nei confronti degli esercenti che aderiscono a questa iniziativa. <<Tra questi – spiega il Presidente dell’Adiconsum Avv. Impaglione – è abbastanza importante sottolineare la possibilità di eseguire dei prelievi di olio dalle friggitrici degli esercenti aderenti per sottoporlo ad analisi chimica (per stabilire il tipo di olio utilizzato) presso i laboratori dell’Agenzia delle Dogane di Palermo, ente statale che ha sposato questa iniziativa e che ha messo a disposizione la propria struttura per le attività analitiche. Ci si è accorti che nel nostro territorio tutti gli esercenti che sottopongono a frittura i propri prodotti, (pizzerie, ristoranti, rosticcerie, mense, pasticcerie, panifici) utilizzano solo ed esclusivamente olio di palma, e tutto questo a discapito di quei consumatori attenti che da un lato evitano i cibi confezionati che acquistano nei supermercati, e dall’altro non sono a conoscenza del fatto che i prodotti acquistati presso qualsivoglia attività commerciale locale sono paradossalmente cotti appunto in olio di palma>>.

La Sicoil, già dall’agosto 2016, attraverso una collaborazione con un frantoio siciliano, propose a gran parte degli esercenti di utilizzare un olio diverso da quello di palma, e avendo questa iniziativa avuto un inaspettato successo, oggi tantissimi esercenti hanno deciso, nonostante i costi superiori, di abbandonare l’olio di palma e di utilizzare quello nuovo. L’iniziativa di Adiconsum e di Sicoil nasce proprio dall’esigenza da un lato di informare i consumatori nisseni su dove poter acquistare prodotti cotti non in olio di palma e dall’altro dalla possibilità di fregiare di un marchio di qualità/sicurezza tutti quegli esercenti che appunto oggi non utilizzano più l’olio inquisito.

Alla conferenza stampa di lunedì prossimo sono stati invitati i rappresentanti di Asp, Camera di Commercio, Agenzia Dogane, Andid Palermo, Comune di Caltanissetta, Pro loco, Confcommercio, Confesercenti, Istituto Alberghiero “Di Rocco”, Associazione Duciezio,”, Associazione Provinciale Cuochi Caltanissetta, Associazione “No Serradifalko”.

In alto