Cultura

Caltanissetta: 4 Novembre celebrazione del 99° anniversario della vittoria    

Il 4 novembre ha uno stretto nesso di continuità con altre due ricorrenze: il 2 giugno, giorno della celebrazione, della nascita della Repubblica e del suffragio universale, fondamento delle libere istituzioni; il 25 aprile, segno della riconquista dei valori civili e delle libertà, fissati poi per “libertà di popolo” nella nostra Costituzione. Il 4 novembre è l’anniversario della vittoria del 1918, al termine della prima guerra mondiale che ”fu indubbiamente animata dai valori del Risorgimento”, il totale delle perdite causate dal conflitto si può stimare a più di 37 milioni, contando più di 16 milioni di morti e più di 20 milioni di feriti e mutilati, sia militari che civili, cifra che fa della “Grande Guerra” uno dei più sanguinosi conflitti della storia umana. I costituenti repubblicani nel 1948 con una intuizione illuminata definirono il 4 novembre “giorno dell’unità nazionale” e da allora l’anniversario della vittoria del 1918 ha significato il completamento dell’indipendenza nazionale.

Il 4 novembre la Nazione celebra le sue forze armate per lo straordinario contributo dato all’unificazione e alla costruzione della Patria. A Caltanissetta, a distanza di 99 anni da questa data storica si è svolta una commemorazione solenne alla quale erano presenti autorità civili, militari, religiosi, numerosi rappresentanti delle associazioni, tra questi l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra (ANCVG), rappresentata dal suo Presidente Giovanni Scribani, soci e cittadini. Il programma ha visto il ritrovo davanti al monumento ai caduti in viale Regina Margherita, dove è stata deposta una corona di alloro.

Oggi è anche la Festa delle Forze Armate protagoniste dell’unità nazionale, ritengo sia utile, quindi, portare alla corretta attenzione sull’importanza del 4 novembre, sull’operato prezioso che quotidianamente le forze armate svolgono per la sicurezza dei cittadini italiani e di tutte le persone che vivono in Italia. Pertanto, si invita l’amministrazione comunale a promuovere la partecipazione di tutte le rappresentanze scolastiche alla celebrazione perché crediamo fermamente che la coscienza dei ragazzi vada sensibilizzata ad un rispetto di chi ogni giorno rischia la propria vita per difendere la nostra libertà. Un ultimo invito lo faccio a tutta la cittadinanza, affinché sia sempre più numerosa in Viale Regina Margherita per tenere insieme passato, presente e futuro dando valore a tutte e tre le dimensioni.

 Carlo Sorbetto

Socio Onorario ANVCG

In alto