News

Caltanissetta, Consulta comunale femminile: eletti solo uomini come referenti del 3° settore

Riceviamo:

“Giorno 10 novembre presso la Casa delle Culture e del Volontariato “Letizia Colajanni” sono stati eletti i Referenti del Terzo Settore da inserire nel Gruppo di piano del Distretto socio sanitario 8 di Caltanissetta ex L. 328 del 2000. Il Gruppo di piano è l’organo di studio e programmazione “preposto all’attuazione di tutti i provvedimenti propedeutici alla redazione del PdZ (Piano di Zona), nonché alla gestione dello stesso.” (Indice Ragionato per la stesura del Piano di Zona) i sei eletti sono tutti uomini.

Se consideriamo l’ambito del volontariato, in Sicilia le donne che prestano la loro opera nelle associazioni sono il 58% contro il 42% degli uomini, inoltre le donne dedicano a tali attività  un numero di ore settimanali superiori a quelle dei volontari maschi, con una media di 18,5 ore contro le 15,4 ore di questi ultimi. Ma le donne sono penalizzate all’interno delle organizzazioni trovandosi in posizioni di minor prestigio e il potere decisionale continua a essere nelle mani degli uomini, 7 dirigenti su 10 sono maschi. Ed ecco svelato l’arcano.

Lo stesso dicasi degli altri due ambiti, Associazioni di Promozione Sociale e Cooperative Sociali.

L’Assemblea che ha eletto i suoi rappresentanti non è stata in grado di comprendere che la presenza delle donne in qualsiasi luogo della rappresentanza è un valore aggiunto, ma, è stato detto: ”Il Gruppo piano è la struttura tecnica di riferimento per i Comuni che compongono ogni Distretto socio-sanitario”, intendendo con ciò sia ridimensionare il ruolo della rappresentanza sia annullare la differenza di genere con la presunzione che purché capaci e preparati uomini e donne sono uguali.

 Altra perla di saggezza “Gli eletti non rappresentano né la propria associazione né il loro settore, ma tutto il terzo settore” quindi, ancora una volta, uomini e donne sono uguali, ma, visto il risultato, gli uomini sono più uguali delle donne.

Voglio ricordare che se il Distretto socio-sanitario di Caltanissetta è in dirittura di arrivo per la costituzione del Nodo distrettuale D8 per il contrasto e la prevenzione della violenza di genere, ciò si deve alla forte e competente presenza nel Gruppo piano precedente di una donna , la dott.ssa Anna Giannone, che è stata in grado di promuovere una azione positiva per la sicurezza e la vita di tutte e tutti.

In qualità di Coordinatrice della Consulta Comunale Femminile esprimo l’insoddisfazione per la scelta effettuata e il rammarico per l’importante occasione perduta; naturalmente mi auguro che il Gruppo di piano possa raggiungere i risultati sperati, ma il suo lavoro sarà comunque privo di un punto di vista della metà e più delle persone che vivono nel territorio di sua competenza, anche perché tutti i Sindaci,il rappresentante dell’ASP e il funzionario che lo compongono sono uomini.

Molto resta da fare per un reale e proficuo riequilibrio dei generi e la Consulta femminile si impegna a continuare il suo lavoro in tal senso con tenacia e determinazione.”

    La Coordinatrice Loredana Rosa

In alto