Eventi

Caltanissetta: “L’amore brucia come zolfo”, il 19 maggio debutto nazionale del Musical

Un musical inedito, con oltre trenta brani musicali e oltre  cinquanta interpreti. La storia di una Donna, Cecilia, vittima del suo tempo e della sua storia. Una storia  che parla d’amore, di morte, di sesso, di paura e di follia. Un’opera imponente, dai grandi numeri. Oltre 200 i costumi impegnati in tutta la rappresentazione, continui cambi di atmosfera e di colore.

Lo spettacolo, strizzando l’occhio al Musical, si presenta a tratti con i canoni di una tragedia greca o di un concerto pop. La musica, filo conduttore di tutta l’opera, ha creato un connubio forte tra storia e fantasia, tra orchestra e band. La danza si traveste dietro gli attori, che imperterriti raccontano la storia di una donna qualunque… ma che tutti possono riconoscere come propria mamma, sorella, sposa… è Cecilia. Donna dai capelli rossi che rivive nel silenzio della sua anima paure e sogni di qualunque donna, in un tempo forse troppo infelice.

Lo sfondo è quello della capitale mondiale dello zolfo, Caltanissetta, con le sue miniere, le sue leggende, le sue tradizioni. Paesaggio quasi fiabesco sapientemente descritto, come d’altronde sono descritti gli stati d’animo dei personaggi, da Zì Micheli, interpretato magistralmente da Giorgio Villa. Un cast eccezionale, che vede nella figura di Ivano Cereda il protagonista maschile dell’opera, il Barone, e di tre Cecilie, viste nella loro crescita umana, culturale  e di pensiero, interpretate rispettivamente da Angelica Tumminelli, Simona Desireè Amico e Ilenia Giammusso.

In scena tanti nomi del teatro nisseno, come Assunta Burgio e Michele Vasapolli, entrambi da oltre trent’anni sulle scene, ed una immensa carovana di giovani interpreti, molti dei quali sono talenti per la prima volta sulle scene come protagonisti. Una scommessa vinta, quindi, quella di creare uno spettacolo, investendo ancora una volta nei giovani, creando una grande opera originale nei contenuti, nelle musiche, nelle danze  senza alcun supporto, se non quello di lavorare in squadra e credere che, attraverso sempre nuove strade, tutto può accadere…

In alto