Politica

Delia, sindaco scrive ai genitori degli alunni per fruizione mensa

Delia- Il sindaco Gianfilippo Bancheri scrive alle famiglie degli alunni dell’istituto comprensivo dopo la recente sentenza del Consiglio di Stato, pubblicata il 3 settembre 2018, e in seguito alla richiesta di alcuni genitori che hanno chiesto la possibilità di poter fornire ai propri figli direttamente da casa il pasto da consumare alla mensa.

La sentenza afferma il diritto degli alunni di poter consumare pasti preparati dai genitori insieme agli alunni che invece intendono consumare i pasti preparati dalla ditta concessionaria. Dice anche che le amministrazioni comunali non possono impedire di portare in mensa il cibo preparato in casa dai genitori.

Gli uffici comunali tuttavia potranno definire preventivamente il numero esatto dei genitori che intendono fruire del servizio di mensa e quello dei genitori che intendono dotare i propri figli del pasto preparato da casa.

Il primo cittadino si è rivolto così ai genitori degli alunni chiedendo loro “di volere compilare una scheda di ricognizione preliminare di adesione o meno al servizio di mensa” per l’anno scolastico 2018/2019.

Gianfilippo Bancheri precisa che l’amministrazione comunale, d’accordo con la dirigente dell’istituto comprensivo “Nino Di Maria”, intende garantire, anche per il corrente anno scolastico, l’attivazione del servizio di mensa scolastica per gli alunni delle classi della scuola dell’infanzia e della scuola primaria che adottano il tempo pieno, mediante la modalità dell’affidamento in concessione.

Nella lettera, il sindaco, ricorda come alcune criticità siano state evidenziate già durante lo scorso anno scolastico facendo avviare una serie di incontri preliminari con i genitori e i rappresentanti di classe per valutare alcune ipotesi di eventuali forme alternative di organizzazione e gestione del servizio quali, ad esempio, l’autogestione da parte dei genitori.

“Nell’ultima riunione del 31 agosto 2018 – scrive Bancheri – è emerso però chiaramente che la maggioranza dei genitori, appositamente consultati dai loro stessi rappresentanti, intende proseguire per il corrente anno scolastico con l’affidamento a ditta esterna da parte del Comune, non ritenendosi pronta alla sperimentazione di forme gestionali alternative del servizio”.

Per il sindaco “a differenza degli altri anni, i genitori, ora, potranno decidere liberamente sull’alimentazione e sulle modalità di fruizione per i propri figli”.

Domani le schede verranno consegnate agli insegnanti e si saprà quindi l’esito della ricognizione.

In alto