Lifestyle

Grande successo e partecipazione per il 5 Memorial Nuccia Grosso

Teatro Margherita pieno, domenica 19 febbraio, per la 5ª edizione del “Premio al Giornalismo e alla Cultura Città di Caltanissetta” Memorial Nuccia Grosso.

La giornalista Nuccia Grosso

Svoltosi alla presenza del vice questore Michele Emma, del dirigente dell’area Immigrati della prefettura  Gabriele Barbaro, di alcuni rappresentanti della Giunta comunale e, com’era da aspettarsi, di tantissimi ragazzi, insegnanti e genitori, l’evento ha subito assunto una connotazione di gioiosa partecipazione così come, siamo certi, avrebbe voluto la giornalista scomparsa il 2 settembre del 2009.

Il “Premio” intitolato a Nuccia Grosso,ha lo scopo di stimolare i giovani che ritengono di essere portati verso il giornalismo, a cimentarsi in una sorta di gara su un argomento di attualità, scelto di volta in vota dal figlio Tony Maganuco che dell’evento è anche l’appassionato organizzatore. E non poteva esserci, attualmente,  argomento più interessante e coinvolgente di quello dell’immigrazione che con le problematiche che ne derivano, riesce spesso a dividere i due fronti dei favorevoli e dei contrari.

Per la sezione “cartaceo”, è stato Luca Augello, dell’Istituto Luigi Russo di Caltanissetta, con l’articolo titolato “Nessun essere umano è illegale”, ad aggiudicarsi l’ambìta vittoria il cui valore, sicuramente, va molto al di là del simbolico premio in denaro di 250 euro. Secondo classificato Fausto Terrana del Liceo Scientifico Volta e terzo posto per Giorgia Tumminelli del Liceo Manzoni-Juvara.  Per la sezione video, invece, il primo premio è andato a due ragazzi del Liceo Scientifico, Luca Catino e Mattia Polizzi. Secondo premio per Valentina Iachetta dell’Istituto Luigi Russo.

Il vincitore Luca Augello con il presidente Alberto Sardo

A consegnare i premi Paolo La Paglia in rappresentanza della Gazzetta Nissena, Michele Spena de Il Fatto Nisseno, Ivana Baiunco di TFN, Giuseppe Scibetta de La Sicilia e Alberto Sardo di Radio CL1.

Novità importantissima di questa 5ª edizione, i ragazzi hanno avuto la possibilità di rivolgere alcune domande sull’argomento della serata, a due personaggi che vivono tutti i giorni i problemi legati all’immigrazione: al vice Questore Michele Emma, dirigente della Polizia amministrativa e dell’immigrazione e al dr Gabriele Barbaro dirigente dell’Area immigrazione e diritto d’asilo della Prefettura. L’insolita intervista è avvenuta sul palcoscenico dove i due funzionari, con molta cordialità e semplicità hanno risposto alle domande dei ragazzi che hanno dimostrato di essere più preparati di quanto, qualche volta, si pensi.

Foto e testo gentilmente concessi da Radio CL 1

In alto