Politica

Interrogazione del M5S al Sindaco Ruvolo sul Cimitero Comunale “Angeli”.

  Riceviamo:
Il sottoscritto Giovanni Magrì, Consigliere Comunale di Caltanissetta appartenente al gruppo del Movimento Cinque Stelle,
v i s t i
a) la Legge Regionale 26 Agosto 1992, n.7, in particolare:
   – l’articolo 27, comma 1, a norma del quale “il sindaco è tenuto a rispondere agli atti ispettivi dei consiglieri comunali entro trenta giorni dalla loro presentazione presso la segreteria del comune”;
b)   il Codice dei beni culturali e del paesaggio, approvato con Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n.42, in particolare:
   – l’articolo 146, comma 1, a norma del quale “i proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili ed aree di interesse paesaggistico, tutelati dalla legge, a termini dell’articolo 142, o in base alla legge, a termini degli articoli 136, 143, comma 1, lettera d), e 157, non possono distruggerli, né introdurvi modificazioni che rechino pregiudizio ai valori paesaggistici oggetto di protezione”; 
   – l’articolo 146, comma 2, a norma del quale “i soggetti di cui al comma 1 hanno l’obbligo di presentare alle amministrazioni competenti il progetto degli interventi che intendano intraprendere, corredato della prescritta documentazione, ed astenersi dall’avviare i lavori fino a quando non ne abbiano ottenuta l’autorizzazione”;
   – l’articolo 149, comma 1, a norma del quale “non è comunque richiesta l’autorizzazione prescritta dall’articolo 146 … a) per gli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento statico e di restauro conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l’aspetto esteriore degli edifici”;
c)  il Regolamento di Polizia Mortuaria, approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 10 settembre 1990, n.285, in particolare:
   – l’articolo 58, comma 1, a norma del quale “la superficie dei lotti di terreno destinati ai campi di inumazione deve essere prevista in modo da superare di almeno la metà l’area netta, da calcolare sulla base dei dati statistici delle inumazioni dell’ultimo decennio, destinata ad accogliere le salme per il normale periodo di rotazione di dieci anni. Se il tempo di rotazione è stato fissato per un periodo diverso dal decennio, l’area viene calcolata proporzionalmente”;
   – l’articolo 58, comma 2, a norma del quale “nella determinazione della superficie dei lotti di terreno destinati ai campi di inumazione, occorre tenere presenti anche le inumazioni effettuate a seguito delle estumulazioni di cui all’art. 86. Si tiene anche conto dell’eventualità di eventi straordinari che possono richiedere un gran numero di inumazioni”;
d)  il Regolamento per la concessione di suolo a privati o enti nel Cimitero Comunale “Angeli” nonché per la costituzione di monumenti e cappelle gentilizie o collettive e per la costruzione di loculi comunali, in particolare:
   – l’articolo 5 a norma del quale “il diritto di uso delle sepolture private in monumenti, ceppi, sarcofaghi e cappelle gentilizie, sia totalmente che parzialmente, può essere ceduto ovvero trasmesso per atto tra vivi o per disposizione di ultima volontà, salvo che la cedibilità e la trasmissibilità, in tutto o in parte, non sia incompatibile con il carattere del sepolcro secondo il diritto civile, e sempre che i singoli atti di concessione non dispongono altrimenti. 
La cessione o trasmissione lascia inalterati gli obblighi imposti dal Comune all’originario titolare della concessione.  In ogni caso, ove sussistano ragioni di pubblico interesse, il Comune può non riconoscere come nuovo concessionario l’avente causa del titolare della concessione.  A tale fine gli interessati devono preventivamente notificare ogni atto di cessione o di trasmissione al Comune, il quale entro un mese potrà dichiarare il proprio veto alla cessione o alla trasmissione, in caso contrario il silenzio varrà quale riconoscimento.  Ove il nuovo concessionario non sia tra le persone aventi diritto di sepoltura, questi dovrà corrispondere al Comune un importo eguale ai loculi ceduti o trasmessi, valutati con il prezzo di quelli comunali per quarta fila. Non corrispondendo l’importo non potrà riconoscersi il nuovo concessionario, sia esso totale che parziale”;
   – l’articolo 11 a norma del quale “il Concessionario e suoi eredi e aventi causa sono obbligati a sostenere le opere di manutenzione ordinaria e straordinaria. Nella ipotesi di pericolo di crollo della Cappella o monumento a causa della vetustà o per altri motivi statici, il Comune potrà invitare gli aventi diritto a procedere alle opere di consolidamento e conservazione, previo termine all‘uopo assegnato; nel caso di rifiuto o di silenzio da parte degli interessati, potrà revocare la concessione e riprendere la disponibilità del suolo e potrà estumulare le salme depositando le ossa nell’ossario comune”;
   – l’articolo 11 bis a norma del quale “il Comune, qualora ricorrano le condizioni di cui all’art.11, potrà acquisire anche il manufatto realizzato dal concessionario ed allo stato in totale abbandono  nonché pericolante, mediante adozione di relativa Determinazione Sindacale. Il manufatto, unitamente al suolo, potrà essere assegnato, in ordine cronologico di presentazione dell’istanza, ai privati che ne richiedessero l’uso delle aree e dei manufatti a condizione che gli stessi si impegnino a propria cura e spese di: 
a) estumulare le salme presenti all’interno della Cappella; 
b) effettuarne la catalogazione ed il trasferimento, temporaneo in“loculi parcheggio”; 
c) eseguire tutte le opere di consolidamento e il ripristino del manufatto necessarie per renderlo in perfetta efficienza e nel rispetto delle proprie caratteristiche architettoniche e tipologiche; 
d) trasferire le salme estumulate e catalogate all’interno della Cappella ristrutturata con riserva di utilizzo dei posti disponibili “;
t e n u t o   c o n t o
c h e
–  con verbali n.36 del 24.2.2005 e n.47 del 6.3.2006 , la Commissione Provinciale per la tutela delle Bellezze Naturali e Panoramiche di Caltanissetta ha dichiarato di notevole interesse pubblico, ai sensi dell’articolo 138 del suddetto Codice dei beni culturali e del paesaggio, il complesso monumentale dell’area cimiteriale di Caltanissetta, al quale è stato esteso il Vincolo Paesaggistico “Media Valle del Salso o Imera Meridionale” di cui al D.A. n.7732 del 9.10.1995; 
r i l e v a t o
– che, nella suddetta area cimiteriale, sono state ristrutturate o interamente ricostruite diverse cappelle;
– che, nella stessa area, sul lato nord est, adiacente alla nuova area cimiteriale, è stato parzialmente demolito il muro di cinta manufatto in pietra con torrette merlettate sul quale poggiavano antichi loculi in marmo con iscrizioni a mano di maestri scalpellini dell’epoca;
i n t e r r o g a
la S.V. al fine di sapere:
1.    per quali motivi ha risposto alla presente interrogazione oltre i termini previsti dalla legge;
2.    se il Comune di Caltanissetta dispone di un elenco completo dei beni monumentali ricadenti nel Cimitero Comunale;
3.    quante  e quali autorizzazioni sono state richieste e rilasciate, negli ultimi dieci anni, in relazione alle suddette opere di demolizione, ristrutturazione e ricostruzione;
4.   quanti  e quali  atti di  cessione o trasmissione del diritto di uso delle sepolture private sono stati notificati al Comune negli ultimi dieci anni;
5.    quali importi sono stati corrisposti dal nuovo concessionario al Comune in relazione a ciascuno dei suddetti atti;
6.   quanti e quali manufatti in stato di abbandono nonché pericolanti sono stati assegnati in uso a privati richiedenti;
7.  se tali assegnazioni sono state effettuate secondo l’ordine cronologico di presentazione delle istanze da parte dei privati richiedenti;
8.   se le opere di consolidamento e ripristino dei manufatti eventualmente assegnati sono stati eseguite  nel rispetto delle caratteristiche architettoniche e tipologiche proprie dei manufatti stessi;
9.   se la superficie dei lotti di terreno del cimitero comunale destinati ai campi di inumazione corrisponde ai criteri previsti dal suddetto Regolamento di Polizia Mortuaria;
9.   sulla base di quali calcoli è stata determinata la suddetta superficie.
   Distinti saluti.
         dr. Giovanni Magrì
Consigliere Comunale di Caltanissetta
     Movimento Cinque Stelle
In alto