Cultura

L’isola più bella: riscoprire la storia più antica della nostra isola

invito

 

Su iniziativa del Gruppo Archeologico “L. Villari” di Piazza Armerina sarà presentato Sabato 18 marzo alle ore 17,30 nella Sala conferenze del Chiostro di San Pietro di Piazza Armerina il volume “L’isola più bella. La Sicilia nella ‘Biblioteca Storica’ di Diodoro Siculo” di Calogero Micciché, pubblicato dalle Edizioni Lussografica.

Dopo i saluti di Roberto Scollo, Direttore del Gruppo Archeologico, e l’introduzione di Ugo Adamo, Presidente onorario, presenterà il volume la Professoressa Claudia D’Angelo, docente di Latino e Greco al Liceo Classico “C. M. Carafa” di Mazzarino.invito

Destinato non soltanto agli studiosi ma anche a coloro che vogliano scoprire il nostro passato, il volume è un affascinante excursus sulla storia più antica della nostra isola; raccoglie infatti tutti i passi che riguardano la Sicilia presenti nell’opera di Diodoro Siculo, lo storico di Agira, vissuto nel I secolo a.C., che all’interno della sua vastissima opera in 40 libri ha riservato ampio spazio alla Sicilia del mito, alla Sicilia greca e alla Sicilia romana, costituendo per la ricostruzione della storia dell’isola una fonte ineusaribile di informazioni. Le grandi divinità legate alla Sicilia (su tutte Eracle, Demetra e Core), le grandi personalità che hanno segnato le vicende più significativa (dai tiranni di Siracusa ai tiranni di Agrigento, dal siculo Ducezio allo schiavo Euno), le popolazioni greche e non greche presenti nell’isola, i grandi eventi che hanno scandito la storia della Sicilia (dalla lunga ed estenuante guerra contro i Cartaginesi alla spedizione ateniese in Sicilia del 415-3, dalle prima guerra punica alle rivolte degli schiavi), trovano grande attenzione con un commento storico che mette a confronto l’opera di Diodoro con numerose altre fonti.

In alto