Politica

Messina: esclusa la lista “Micari Presidente”, resta fuori anche Crocetta

La lista “Micari presidente” nel collegio di Messina è fuori. La Corte d’Appello della città dello Stretto ha infatti ricusato l’elenco che vede il governatore Rosario Crocetta capolista.

Adesso il candidato alla presidenza Fabrizio Micari avrà tre giorni di tempo per presentare un ricorso. Ma la situazione è molto complessa. Già in occasione della giornata in cui era stato fissato il termine per la presentazione delle liste era stato registrato un ritardo nella presentazione di alcuni documenti. La lista è stata esclusa infatti perché la documentazione è arrivata in ritardo venerdì scorso. Il rappresentante della lista aveva presentato una documentazione incompleta perché alcune carte necessarie per l’iscrizione della lista erano rimaste in auto ed erano arrivate agli uffici elettorali una decina di minuti dopo le ore 16.

In lista c’erano tra gli altri anche il neo assessore ai Beni culturali Aurora Notarianni e il quotato dirigente Dem Nicola Barbalace.

Una batosta non solo per la lista inizialmente voluta da Leoluca Orlando e che poi è stata riempita di candidati in un primo momento previsti nella lista del Megafono, ma anche per la stessa coalizione. Il caso messinese infatti riduce di molto le possibilità che la lista “Micari presidente-Arcipelago” possa raggiungere la soglia del 5 per cento (non è stata presentata nemmeno a Siracusa) e quindi rende quasi impossibile l’accesso di tanti candidati in tutte le Province.

A questo punto ancora più complicata è la corsa del candidato alla presidenza Fabrizio Micari: le sue liste si erano già ridotte a quattro. E adesso, una di queste è anche zoppa.

Rassegna stampa Livesicilia.it

In alto