Politica

Migranti, Pagano (Lega): “Caltanissetta diventata epicentro clandestinità, Governi sinistra complici”

“Caltanissetta sta diventando l’epicentro dell’immigrazione clandestina. Non basta la presenza del Cie. Ottanta extracomunitari sono stati sgomberati in questi giorni dalle forze dell’ordine da una baraccopoli in zona pian del Lago. Una situazione di assoluto degrado e illegalità. Il problema è che il sistema di accoglienza messo in piedi dai governi nazionali e regionali di sinistra è marcio, come il cane che si morde la coda. Questi ottanta extracomunitari escono dalla porta ma rientreranno dalla finestra.. dei vari Cara e Cas, facendo quindi il loro ingresso nel circuito di protezione e riconoscimento dello Stato. Graveranno per mesi se non anni sul bilancio statale, arrivando a costare anche qualche milione di euro annui. Il tutto, ovviamente, sulle spalle dei contribuenti italiani. Extracomunitari che, è bene sottolineare, sono prevalentemente afghani e pakistani. Arrivano via mare in Italia? Ne dubitiamo. Di sicuro saranno arrivati via terra, magari dopo che un precedente Stato avrà loro rifiutato lo status di rifugiato. Ed eccoli qui in Italia, considerata il ventre molle da tutti i punti di vista. Ma il regolamento di Dublino vale solo quando riguarda noi? La cosa che più sconcerta, è immaginare come debba sentirsi un giovane senza lavoro, un disoccupato, una famiglia in attesa di una casa popolare, un disabile in attesa dei soldi della regione, alla notizia che per gli immigrati e clandestini si trovano subito i soldi mentre per loro c’è la fame. Soldi che, alla fine, andranno ad arricchire i soliti noti, dalle cooperative alle lobby degli avvocati, alimentando un circuito che ha la sua punta avanzata nelle Ong, sulle quali pendono diverse inchieste della magistratura. Bisogna cambiare presto pagina, e solo dando fiducia alla Lega e a Salvini metteremo al primo posto gli interessi degli italiani e dei siciliani”. Così il deputato Alessandro Pagano della Lega dei Popoli-Noi con Salvini.

In alto