All News

PD Caltanissetta, raccolta dei rifiuti: tolti i cassonetti stradali regna il disordine

Riceviamo:

“Anche per l’avvio del nuovo sistema di raccolta differenziata (R.D.) dei rifiuti evidenziamo il solito difetto di questo Sindaco e di questa Amministrazione a traino “Ruvolo”. Si procede talvolta anche su percorsi corretti, con ansia da prestazione, senza una approfondita e dettagliata pianificazione cronologica, senza un’adeguata organizzazione operativa. Mentre soprattutto per le novità e le modifiche delle abitudini è necessario predisporre i necessari passi preliminari per attenuare il possibile impatto negativo, che rischia di trasformarsi persino in un boomerang.

Due anni fa, grazie anche alla forte pressione del PD cittadino e dei suoi Assessori, si optò per una scelta coraggiosa che permettesse una chiara discontinuità con le continue proroghe gestionali del passato e l’avvio di un nuovo modello di  raccolta dei rifiuti solidi urbani, più centrato sul porta a porta.

I dati di R.D. oggi ci danno ragione, ed anche in presenza di un bando ponte di un anno (dall’1 Settembre 2017 al 31 Agosto 2018) si è già riusciti ad aumentare tale valore di oltre 10 punti percentuali rispetto a due anni fa, attestandosi a circa il 20%.

Purtroppo oggi registriamo malumori legittimi da parte della cittadinanza. Discariche abusive in ogni dove della città, mancata distribuzione dei cestini e carrellati alle utenze che risiedono e/o lavorano nella zona A (Centro Storico), che compromettono lo stesso corretto avvio del nuovo sistema, procurando grave disorientamento in molte persone.

Occorreva semplicemente assicurarsi, ancor prima di togliere i cassonetti stradali, della completa distribuzione dei carrellati, dei cestini e dei sacchetti, ma anche della piena conoscenza da parte dei cittadini delle modalità di corretto smaltimento.

Se non fosse stato possibile realizzare quanto suddetto, era più conveniente mantenere i cassonetti stradali per limitare al massimo i disagi dei cittadini.

La completa pianificazione era necessaria per individuare, anche e soprattutto nella zona A per le utenze domestiche, le aree dove ubicare (dalle ore 20:00 alle ore 6:00 dei giorni prestabiliti) i carrellati per l’organico e del vetro, i sacchetti del residuo secco, della plastica e della carta.

La pianificazione è un concetto difficile da  accogliere per questa Amministrazione e i percorsi virtuosi rischiano, come sempre, la deriva per scelte improvvisate e per mancanza di adeguato coordinamento politico delle azioni.”

Il Segretario dell’Unione Comunale Ivo Cigna

In alto