Politica

Pianta Organica Comune di S.Cataldo: 6 consiglieri chiedono il ritiro della delibera 5/2018

Riceviamo:

Al Sindaco del Comune di San Cataldo

Alla Presidente del Consiglio Comunale

Oggetto: Richiesta di ritiro della delibera di Giunta n. 5 del 08-01-2018 e contestuale richiesta di dibattito in Consiglio Comunale sul tema della pianta organica del Comune di San Cataldo.

Con delibera di Giunta Comunale n. 5 del 08-01-2018 l’Amministrazione Comunale ha proceduto alla modifica del regolamento comunale per l’ordinamento degli uffici e dei servizi.

Il nostro ente versa in una situazione drammatica dal punto di vista organizzativo e del personale. Da un lato il blocco delle assunzioni comporta una carenza di organico sempre più strutturale, dall’altro il pensionamento dell’ultimo dirigente presente nella pianta organica consolida una struttura burocratica monca e inefficiente.

È necessario instaurare un dibattito aperto fra le diverse forze politiche presenti in Consiglio Comunale, in quanto queste rappresentano l’intera cittadinanza sancataldese, così da potersi esprimere in una fase così delicata di trasformazione dell’ente.

Al di là del merito e delle possibili soluzioni che ogni consigliere vorrà proporre al civico consesso, riteniamo sia inaccettabile il metodo adottato dall’Amministrazione di escludere l’organo di massima rappresentanza istituzionale della Città nella decisione della nuova pianta organica.

Allo stesso modo riteniamo che la discussione sulla migliore organizzazione del Comune non possa esaurirsi nella semplice sostituzione del termine “dirigente” con quella di “posizione organizzativa” (come previsto dalla delibera), ma che vada intrapreso un percorso di miglioramento ed efficientamento dell’intero sistema burocratico.

Per questo motivo chiediamo che venga ritirata la Delibera di Giunta n. 5 del 08-01-2018 e contestualmente che venga inserito nell’ ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale  un dibattito aperto sul tema della pianta organica del Comune di San Cataldo.

Soltanto con un percorso graduale e partecipativo, che coinvolga tutti i consiglieri, ed anche, eventualmente, esperti del settore, si potrà giungere all’elaborazione della migliore proposta. In tal modo il Consiglio Comunale potrà legittimamente indicare le direttive e il percorso che l’Amministrazione dovrà intraprendere, auspicando la più larga condivisione possibile fra le diverse forze così da consegnare alle future amministrazioni, a prescindere dall’appartenenza politica, un ente efficiente, nonché un personale dipendente motivato e messo nelle condizioni di poter svolgere al meglio le proprie funzioni.

I Consiglieri Comunali: Marco Andaloro, Marianna Guttilla, Enzo Calabrese, Flavia La Ferrera, Salvatore Pirrello, Pio Naro.

In alto