Cronaca

Quanto costa revocare la concessione ad Autostrade

La revoca della concessione – le cui procedure, stando alle parole del premier Giuseppe Conte, sarebbero già avviate – è possibile. Ma secondo quanto scritto dal Corriere della sera, «Anas dovrebbe versare al concessionario gil utili previsti fino alla scadenza, circa 20 miliardi di euro. Per questo è più probabile una sanzione». L’eventualità, infatti, è regolata dalla convenzione con scadenza nel 2042 firmata nel 2007 tra Anas e Autostrade per l’Italia, in parte resa pubblica a febbraio 2018. Il rapporto si interrompe se c’è una «grave inadempienza» del concessionario rispetto a un serie di obblighi. Tra questi c’è anche il «mantenimento della funzionalità delle infrastrutture concesse attraverso la manutenzione e la riparazione tempestiva delle stesse». Se la «grave inadempienza» venisse dimostrata, quindi, Anas subentrerebbe nella concessione ad Autostrade per l’Italia. Ma comporterebbe un risarcimento alla società che, secondo stime di fonti finanziarie, è intorno ai 15-20 miliardi.
COSA PREVEDE LA CONVENZIONE
La convenzione prevede infatti che il concessionario abbia diritto a «un indennizzo/risarcimento a carico del concedente in ogni caso di recesso, revoca, risoluzione». L’indennizzo «sarà pari a un importo corrispondente al valore attuale netto dei ricavi della gestione, prevedibile dalla data del provvedimento di recesso, revoca o risoluzione del rapporto, sino alla scadenza della concessione». La formula, in realtà, è ancora più complessa, ma la sostanza è che ci sarebbe un indennizzo parametrato agli utili previsti fino alla fine della concessione. Considerato che nell’ultimo anno gli utili di Autostrade per l’Italia sono stati pari quasi a un miliardo di euro (968 milioni) e che la concessione scade nel 2042, l’indennizzo sarebbe intorno ai 20 miliardi di euro. Anche perché dal volume degli utili andrebbe scalata una somma pari al 10%, «a titolo di penale», che in realtà potrebbe anche salire in caso di “maggior danno”

Fonte(LETTERA43) )

In alto