Cultura

Sabato 7 ottobre terza e ultima giornata di “Sicilia dunque penso 2017”

Ospiti della mattina, sul palco di Corso Umberto, sono stati Girolama Sansone che alle 10.30 ha presentato “Per chi se non per te” con Maria Chiara Modica; Marilina Giaquinta con “Malanotte” con Fernanda Fiandaca; Fabio Ceraulo con “Anima di polvere” con Renato Magistro e Silvia Pignatone.

Il pomeriggio, a partire dalle 16, sarà dedicato ai laboratori che animeranno il centro storico. Nello specifico: “Alimentazione e salute” a cura dell’A.S.P. di Caltanissetta con Antonio Bonura, “Legàmi e segreti dei minerali”, a cura del Museo Mineralogico dell’I.I.S.S. MOTTURA con Enrico Curcuruto e “La vita della batteria di un cellulare” con Michele Giglio, presso Corso Umberto; “Antichi giochi di strada” con Totò Falegname e “Dentro la fiaba” con Donatella Miraglia, Marcella Montoro e Linda Legname, con U.I.C.I. entrambi a Pizza Garibaldi; “Fauna urbana” con Amedeo Falci, presso Villa Cordova.

Uno spazio verrà riservato alle Storie raccontate, un angolo dedicato agli artigiani di un tempo, che, raccolti in Piazza Garibaldi, riveleranno ai presenti i segreti e le storie nascoste dietro i loro mestieri. Racconteranno di sé Luigi Iannello e Mario Buscemi nella storia “Di pietra e di stucchi” con Giulia Bruno; Enzo Giammusso in “Di ferro e di fuoco” con Gaetano Costa, presso il Caffè Dell’Oglio; Giuseppe Romano in “Di lucido e di colore” con Francesca Mastrosimone.

Il pomeriggio proseguirà nell’isola pedonale di Corso Umberto con gli incontri con gli scrittori: alle 17.30 Maurizio Agnello presenterà “Soldatini ribelli” con Lia Sava; alle 18.15 Simona Lo Iacono presenta “Il morso” con Milena Avenia;  alle 19.00 Augusto Cavadi conversa su “La Sicilia spiegata a un marziano”.

Alle 20.00 il palco del festival ospiterà Maurizio Corrado e Morena Coppola, vincitori rispettivamente della sezione prosa e della sezione poesia del Premio letterario Formebrevi, accompagnati dal fondatore della casa editrice nissena Giovanni Duminuco e dalla scrittrice e redattrice Viviana Scarinci. Duminuco coglierà l’occasione per raccontare la filosofia alla base del suo progetto editoriale, non profit, indipendente, auto prodotto e auto sostenibile, caratterizzato da una forte essenzialità tanto nelle linee estetiche quanto nella scelta degli autori da pubblicare.

Alle 21 nell’atrio del Comune, L’Antica Gastronomia Fratelli Savoja proporrà arancine, focacce e tronchetti realizzati con prodotti di presidi Slow Food, permettendo ai presenti di assaggiare le prelibatezze simbolo di eccellenza del territorio nisseno e siciliano.

La serata si chiuderà alle 21.30 con il concerto del cantautore nisseno Sergio Zafarana, che alternerà pezzi storici del suo repertorio ispirato alla grande tradizione cantautorale italiana, ai brani dei suoi due album “Zafarà” e “Balordo” uscito a giugno 2017 e arrangiato insieme al musicista Aldo Giordano.

In alto