Archivio

San Cataldo città cardio-protetta

Nella mattinata di martedì 29 agosto Salvatore Macaluso, presidente dell’Associazione Scientifica Siciliana Infermieri d’Emergenza Urgenza (A.S.S.I.E.U.) ha voluto incontrare l’Amministrazione Comunale, rappresentata dal dott. Angelo La Rosa, Assessore con delega alla salute. Erano presenti il dott. Giuseppe Misuraca e il sig.Rosario Grasso, rispettivamente Direttore e responsabile alla formazione del Centro Operativo 118 di CL/EN/AG. Scopo dell’incontro: conoscere lo stato dell’arte del progetto “San Cataldo, Città Cardioprotetta”, e le ulteriori iniziative che possono essere intraprese per completare le azioni già avviate.

La Rosa ha subito mostrato una planimetria della città con la localizzazione dei defibrillatori, che nel loro insieme costituirebbero l’attuale rete. “Tutto – dice La Rosa – è scaturito da un’idea inseguita da tempo dal cardiologo Luigi Scarnato, responsabile dell’Associazione “Cuore Chiaro Onlus”, da anni impegnato a diffondere la cultura della prevenzione cardivascolare, in stretta sinergia con la prof.ssa Rosa Maria Anzalone di Cittadinanza Attiva. Idea patrocinata dal GIEC (Gruppo Interventi Emergenze Cardiologiche), rappresentato in Sicilia dal Prof. Antonio Castello. Ma questo ambizioso progetto – prosegue La Rosa – non avrebbe assunto tali dimensioni senza il contributo della locale Banca di Credito “G. Toniolo”, il cui Presidente, dott. Salvatore Saporito, è sempre sensibile ad ogni azione sociale e culturale se a vantaggio della collettività sancataldese, mettendo a disposizione fondi per l’acquisto di defibrillatori e corsi di addestramento.

L’Amministrazione Comunale, coinvolta nel progetto, curerà la realizzazione di un’adeguata cartellonistica, dagli ingressi in città alla postazioni, per pubblicizzare al meglio l’esistenza della rete DAE in città”. A seguire ha voluto ricordare, oltre la BBC Toniolo, i bar Imera, Miraglia e Lumiére, la farmacia del Corso, il Club Service “Rotary di San Cataldo”, la Croce Rossa Italiana, la farmacia Maira e il Miur per il loro contributo al potenziamento della rete DAE. Oggi San Cataldo, già riconosciuta come prima città siciliana interamente cardioprotetta, conta 21 defibrillatori strategicamente distribuiti nel tessuto urbano e diversi tra cittadini e Vigili Urbani formati all’utilizzo dello strumento.La Rosa

Tutti i presenti hanno condiviso, oltre la segnaletica già programmata con le suddette Associazioni, il completamento del progetto con il l’inserimento georeferenziato di tutti i DAE nell’APP “DAE Sicilia”, scaricabile gratuitamente. Per l’occasione si inviteranno i referenti degli apparecchi a compilare il Form di registrazione scaricabile dal sito “www.daesicilia.it”. Contestualmente il dott. Misuraca si è reso disponibile ad attivare un corso di formazione per tutto il corpo di Vigili Urbani. Naturalmente sarà cura dell’Amministrazione attivare quanto prima un tavolo tecnico con tutte le istituzioni, che a vario titolo, sosterranno in armonica sinergia il progetto “San Cataldo, città cardioprotetta”.

In alto