News

Sindacati scrivono all’ASP 2: stabilizzazione precari e inadempimenti contrattuali

Riceviamo:

Al Direttore Generale dell’ASP 2 di Caltanissetta

      Oggetto: Processo di stabilizzazione e di reclutamento ordinario, ed inadempimenti contrattuali.

 Le segreterie provinciali e aziendali CGIL FP, CISL FP e UIL FPL constatano che quest’azienda, a tutt’oggi, non ha risposto alla nota del 11.09.2017 con oggetto: “processo di stabilizzazione e di reclutamento ordinario” del personale precario e in comando presente in questa Azienda, con la quale veniva richiesta la consegna della documentazione inerente alle procedure relative al percorso di stabilizzazione ed di reclutamento in generale: numero posti vacanti, monte orario, massa finanziaria per singole procedure, personale in comando presso l’ASP; si evidenzia, inoltre, ancora una volta,  che si è in grave ritardo nella risoluzione dell’applicazione di diversi istituti contrattuali sottoscritti per il personale del comparto sanità, che hanno una grave ricaduta economica sul personale dipendente della nostra Azienda sanitaria.

Tale comportamento risulta di particolare gravità rispetto alla situazione complessiva della sanità della provincia per la quale codesta Amministrazione si sta distinguendo per la futura programmazione e potenziamento dei servizi sanitari, ma senza i decreti per la dovuta copertura finanziaria da parte dell’Assessorato Regionale alla Salute per la effettiva concretezza delle realizzazioni. In questo contesto si continua immotivatamente a mortificare le legittime aspettative contrattuali dei dipendenti che nonostante tutto continuano a mantenere in condizioni di lavoro di continua emergenza per l’erogazione dei necessari servizi alla collettività.

Le scriventi OO.SS., pertanto, visto il persistere delle mancate risposte da parte dell’Amministrazione alle nostre note, saranno costrette a procedere per via legale per eventuali estremi di comportamento antisindacale, e proclamare lo stato di agitazione del personale del comparto sanità sul ritardo degli aspetti economici e di crescita professionali previsti dal CCNL e dal CIA(Contratto Integrativo Aziendale) e ribadiscono la necessità immediata di chiudere definitivamente, evitando ulteriori tentativi dilatatori messi in atto dalla Direzione Aziendale, sui seguenti punti:

  • Reclutamento del personale precario (A, B, C e D) ex bacino LSU, PUC e ASU;
  • Reclutamento ordinario del personale sanitario in comando presso l’ASP;
  • Immediata esigibilità dei buoni pasto (con decorrenza dal 01/06/2016), dello straordinario e delle indennità contrattuali effettuate nell’anno 2016;
  • Incarichi delle Posizioni Organizzative e dei Coordinamenti sanitari;
  • Servizio di pronta disponibilità.

S’invita la Direzione Aziendale al rispetto degli obblighi assunti in sede di delegazione trattante, attivando gli uffici competenti per gli atti amministrativi necessari, in modo da non disattendere ulteriormente le aspettative del personale di questa azienda.

Nel caso in cui questa Amministrazione non assumesse alcuna determinazione in merito le scriventi OO.SS. si riservano di attivare tutte le azioni sindacali al fine di garantire i diritti di reclutamento del personale precario e ordinario, ed contrattuali di tutto il personale dipendente, nonché la rivalutazione monetaria e gli interessi maturati delle somme dovute.

  1. Le Segreterie Provinciali e Aziendali:

          CGIL FP                                                 CISL FP                                         UIL FPL                                   

 Il Segretario Generale               Il Segretario Generale               Il Segretario Generale

    Giovanna Caruso                   Floriana Russo Introito                 Carmelo Centorbi

In alto