Politica

Un malore in aula durante la sfiducia poi la PEC inviata dall’ospedale. Si è dimesso così il sindaco di Gela Domenico Messinese

È uscito in barella dal comune di Gela, il sindaco Domenico Messinese, e appena arrivato in ospedale si è dimesso inviando una pec al segretario generale del Comune.
Messinese si è sentito male durante un acceso consiglio comunale riunito per votare la mozione di sfiducia, firmata da 21 consiglieri su trenta. Con due terzi di voti a favore della mozione.
.
Il sindaco si è presentato in consiglio con la giunta dimissionaria e con la proposta di un governo di “salute pubblica” per tentare di evitare il ritorno alle urne con due anni di anticipo.

Ma verso mezzogiorno, Messinese si è sentito male ed è stato portato in ospedale, per un improvviso abbassamento di pressione. Adesso il sindaco di Gela ha venti giorni di tempo per confermare o ritirare le dimissioni.

In alto