Cronaca

Alario (UGL) scrive al Viceministro Cancelleri : “Si intervenga sulla Gela-Catania ed il pontile industriale”

Gentilissimo Viceministro,
innanzitutto vogliamo augurarLe buon lavoro per l’incarico appena assunto che La vede impegnato in un Ministero assai importante e complesso come il MIT, sia perché esso è la risultante di tre grandi Ministeri pregressi (Lavori Pubblici, Marina Mercantile e Trasporti), sia per la notevole rilevanza strategica che lo stesso rappresenta per il nostro Paese.
Orbene, c’è una gravissima irrisolta questione viabilistica nel territorio nisseno che svantaggia la mobilità e la viabilità di decine di migliaia di cittadini, famiglie e imprese.
Nello specifico ci si riferisce ai tanti raccordi stradali, cui Ella sicuramente è a conoscenza che uniscono tra di loro i vari comuni della provincia nissena, strade da anni fatiscenti e in abbandono. E’ lapalissiana la circostanza per la quale, un territorio può migliorare le proprie qualità economiche, se è asservito da idonee vie di comunicazione, tali da rendere i luoghi atti al normale transito di uomini e mezzi.
Infrastrutture e mobilità, infatti, sono due variabili determinanti e fondamentali per descrivere lo sviluppo di un territorio e per individuare il livello di sicurezza dei suoi abitanti. Invero, qualora volessimo dettagliare specificatamente le varie realtà cui qui si fa cenno, viene spontaneo riferirsi all’asse stradale Gela-Catania, al quale occorrerebbe un immediato potenziamento infrastrutturale, finalizzato a garantire un serio collegamento della città industriale di Gela con il nord dell’Italia e quindi di conseguenza anche con l’Europa, con il progressivo risparmio economico legato ai relativi costi del trasporto delle merci su gomma. Tale intervento, incoraggerebbe altresì, il mondo dei giovani universitari gelesi che vedrebbero così migliorata la possibilità di spostarsi verso la città di Catania, sede delle accademie universitarie. Si darebbe nel contempo l’opportunità alle aziende residenti, di poter facilmente raggiungere le aree portuali e aeroportuali, della suddetta città metropolitana di Catania. In tutto questo contesto, va anche data una rilevante importanza, al pontile della raffineria petrolifera di Gela di proprietà regionale, cui potrebbe essere seriamente utilizzato in soccorso alla normale transitabilità, con una destinazione d’uso di tipo industriale e commerciale facilitando così i mezzi nel celere raggiungimento del porto di Catania con un interessante sviluppo occupazionale nel settore marittimo, proprio in un territorio ad alta densità di disoccupazione.
La città di Gela rappresenta per la provincia di Caltanissetta e per la zona sud-occidentale ed orientale della Sicilia, un importante Centro che ha permesso nel passato sessantennio, un importante sviluppo industriale, con una forte ricaduta economica in termini positivi, sull’occupazione e sul tessuto sociale della zona. Pertanto, è preoccupante oggi l’idea posta sulla carenza di adeguate infrastrutture, che penalizzano sempre più il territorio e che incidono negativamente sugli investimenti e sul rilancio industriale.
Altra particolare attenzione va data alla riqualificazione infrastrutturale di tutta la zona industriale di Caltanissetta.
Invero, è necessario provvedere affinché vengano creati all’interno della suddetta zona industriale, le adeguate strutture non inquinanti, atte allo smaltimento dei rifiuti urbani al fine di evitare il trasporto esterno, con l’aggravio di spesa per il Comune. Assume valore peculiare, il completamento della cosiddetta “Strada degli Scrittori”, ovvero il raddoppio della SS 640, definendo le tante controversie verificatisi in corso d’opera, relativamente ai fatti cui Ella è sicuramente a conoscenza e che per economia di spazio con stiamo qui ad enucleare. Si coglie l’occasione per rappresentarLe che la scrivente UGL Territoriale di Caltanissetta- Gela, a seguito di un incontro avuto con tutte le categorie dei vari settori produttivi del territorio, promosso e voluto dal proprio Segretario Andrea Alario, è stato deciso di inviarLe la presente nota al fine di trarre le dovute considerazioni e la si invita ad un tavolo di confronto per meglio esplicitare nei dettagli, quanto qui stigmatizzato e per circostanziare nei contenuti ogni altro argomento che possa sinergicamente essere propedeutico ad uno sviluppo concreto del territorio, perlopiù dimenticato e bistrattato dalle passate istituzioni.
Con l’augurio di un proficuo lavoro, l’occasione è gradita per porgerLe cordiali saluti.

Unione Territoriale di Caltanissetta – Gela
F.to Andrea Alario

In alto