Archivio

Bella vittoria della Nissa Rugby, ora seconda in classifica

vittoriaOrgogliosa partita della Nissa Rugby asd che, finalmente, riscatta qualche ultima prestazione opaca e, di fatto, si riprende il meritato 2° posto in classifica, lasciandosi  alle spalle proprio la squadra del Salento XV, battuto oggi per 61 a 3, staccandolo di 4 punti in classifica e continuando così la sua corsa all’inseguimento dell’altra squadra siciliana, il CUS Catania, che la precede in classifica di 4 punti.

​Il girone di promozione era cominciato decisamente male per la Nissa che, proprio con il Salento XV, nella gara di andata del 25 gennaio scorso, giocata su un terreno al limite della praticabilità, aveva perso per 20 a 10, senza la conquista minima del bonus difensivo. In quella brutta partita una serie infinita di errori e, soprattutto, la mancanza di personalità dell’intera squadra aveva compromesso tutto il brio della prima parte del Campionato, rischiando di dover rinunciare definitivamente a quella corsa per la Promozione in Serie B che, da sempre, è stato l’obiettivo dichiarato.

​Poi la partita vinta con il VI Circolo di Benevento (senza bonus) e, soprattutto, l’avveduta e, per certi versi, sorprendente vittoria in casa dell’eterna rivale CUS Catania per 18 a 13, che ha rimesso in carreggiata la squadra nissena. Per una importante affermazione mancano però i punti di bonus e il distacco dalla vetta della classifica si posiziona a 4 punti dal CUS che, invece, continua a collezionarne parecchi.

Oggi il riscatto è stato totale, nel gioco e nel punteggio; gli unici 3 punti per gli avversari sono venuti solo da un calcio di punizione concesso per mancanza di disciplina (gioco a terra in Ruck) nei minuti iniziali e dopo una prima meta segnata a seguito di un’azione corale della squadra, ma, registrati i comportamenti corretti, l’incontro è stato abbastanza fluido mostrando una sola squadra in campo, la Nissa, che “macina” gioco a volontà contro INQ Salento XV, che stenta a difendersi utilizzando solo il gioco al piede  per tentare di ricacciare dietro gli “assalitori” e qualche timido tentativo di  penetrazione, prontamente stroncato.

Sul piano delle fonti di gioco, mischia superlativa della Nissa già dall’inizio, ben registrata in prima linea con Venturino, Catania e Cinà, ben coordinata nella spinta degli otto avanti e che ha sempre fatto arretrare gli avversari, anche su loro introduzione;qualche chiusura difensiva, però, un po’ in ritardo, ha lasciato agli avversari l’impressione di poterci tentare, nonostante lo strapotere dimostrato dalla compagine nissena. Buona anche la varietà di gioco da mischia con qualche partenza di capitan Carbone, poco sostenuto dai compagni di linea, e qualche buona combinazione  8 – 9 per un veloce gioco sullo spazio che ha finito per sorprendere gli avversari. Per quanto riguarda la touche, a parte qualche incertezza iniziale, decisa “prepotenza” nissena che non vuole lasciare niente agli avversari, alternando “ridotte” per un gioco veloce a “drive” per importanti  avanzamenti e “permutazioni” dei blocchi di salto per spiazzare la difesa avversaria; tutto ciò finisce con il fiaccare la resistenza del gruppo salentino. Buone le prestazioni dei saltatori Di Trapani, Nicolosi, Viscuso e Salvo e quella di Catania, nell’inedito ruolo di lanciatore, così come il coordinamento di capitan Carbone nella scelta del tipo di giocata più adatta al momento dell’incontro.

Significativa prova del mediano Cozzo che riesce a ben coordinare il gioco dei 2 reparti permettendo una notevole continuità di gioco, decisamente alla base del volume di gioco espresso e della relativa qualità dello stesso.

Sul piano delle linee arretrate c’è da registrare, purtroppo,l’ennesimo infortunio (questa volta muscolare) di Pappalardo che ha dovuto lasciare il campo anzitempo, per un Tarantino che ha avuto così la possibilità di farsi valere, dimostrando di essere ben inserito nel gioco dei ¾ e di conoscere a pieno tutte le “giocate” della linea, ben orchestrata da Gorgone sull’avvio del gioco e da Aimi che, finalmente, ha potuto farsi valere sui puntuali recuperi difensivi trasformati in contrattacchi avanzanti che hanno permesso, in tempi brevi, la ricostituzione dell’intero gruppo-squadra per altre azioni offensive. Bene anche Strazzeri che sembra non soffrire più lo stop di 3 settimane per un traballante ginocchio, Di Maura e Murabito che non sono stati da meno, inserendosi nelle azioni offensive sia da recuperi dietro che da azioni in linea, segnando anche mete spettacolari. Ritrovato anche il calciatore Di Maura che, finalmente, riesce a trasformare ben 8 calci su 9 con un’ottima media.

Buona anche la prova di Lo Celso, subentrato a Venturino, e quella di tutta l’iniziale “panchina”  composta anche da Guglielmino, Fontana, Patti,Emma,carbone Damiano che non hanno fatto rimpiangere i “titolari” schierati sin dall’inizio.

Da segnalare, infine, il senso di appartenenza al gruppo di Cambria e Platania, oggi ottimi “gregari” che hanno accettato, anche se a malincuore, le “scelte” degli allenatori, facendo spazio ai compagni designati, sostenendoli e incitandoli per tutta la durata dell’incontro, e gioendo, a pieno titolo, dell’ottima prova della squadra e del conseguente risultato finale di 61 a 3, compresa la conquista del  bonus, che riporta la squadra nissena verso mete più consone al valore reale dell’intera compagine.

Entusiasta il preesidente Lo Celso, “Bravi ragazzi! Tutti, nessuno escluso! Oggi abbiamo giocato da “squadra”, senza individualismi,  e con la giusta “testa” e mentalità! Così è stato facile, quasi una formalità!

Questo vuol dire che possiamo fare diventare qualsiasi partita ” facile” , perché consapevoli di essere  forti e  principalmente di essere “squadra”.

Godiamoci oggi ma pensiamo subito a domenica e come rendere “facile” quella partita!

È nelle nostre corde , basta essere convinti di testa e tutti insieme con il cuore!

Forza Nissa, diventiamo grandi!!”

Felice per la prestazione anche il trequartista sei nisseni Jonathan Strazzeri, “Sono veramente soddisfatto finalmente tutto inizia a funzionare veramente bene! personalmente mi congratulo con il pacchetto della mischia che quest’oggi ha dimostrato di poter fare la differenza! Non di meno la linea dei 3/4 che è riuscita a sfruttare quasi tutte le opportunità trasformandole in punteggio. Tutti i giocatori in campo hanno dato il 100% grande aggressività e attitudine dai primi minuti del match fino all’ ultimo. Adesso dobbiamo pensare al Benevento, domenica prossima ci aspetta una  partita difficile, come già risaputo le squadre campane sono difficili da battere! Hanno un gioco poco ordinato “sporco” ed imprevedibile. Dobbiamo scendere in campo con la stessa determinazione e cattiveria agonistica che ci contraddistingue dalle altre squadre. Sono fiducioso questa squadra sta crescendo di partita in partita e sono sicuro che può raggiungere l’ obbiettivo prefissato ad inizio stagione!”

Ciliegina sulla torta di una domenica eccellente per la Nissa Rugby, la meritata vittoria dell’under 16 contro le Aquile di Emma per 25 a 10.

Tabellino:

6’ minuto meta Catania trasformata di Maura

16’ minuti meta Aimi trasformata di Maura

35’ minuto meta di Maura

40’ minuto meta Murabito trasformata di Maura

43’ minuto meta Strazzeri trasformata di Maura

54’ minuto meta Nicolosi trasformata di Maura

60’ minuto meta di Maura trasformata di Maura

70’ minuto meta Strazzeri  trasformata di Maira

80’ minuto meta Strazzeri  trasformata Strazzeri

In alto