Cultura

Caltanissetta: dal 6 ottobre la terza edizione di “Sicilia dunque penso”

 

 Dal 6 al 16 ottobre si svolgerà a Caltanissetta la terza edizione di “Sicilia dunque penso”, festival della letteratura che propone alla città incontri con autori, dibattiti, letture ad alta voce, mostre di pittura e fotografia. L’organizzazione è, come nelle precedenti edizioni, di “Librariamente”, costituito – senza fini di lucro – da un gruppo di amanti del libro; partner sarà quest’anno la libreria Ubik. Lo spirito di “Sicilia dunque penso” fu quello delle origini, così riassunto, a nome di “Librariamente” dalla prof. Marcella Natale: “Un momento di riflessione sul senso di essere siciliani, sul senso di uno statuto speciale che da privilegio è diventato invece un monumento allo spreco, all’inefficienza, e a tanto altro. Un momento di riflessione anche sul senso della letteratura, in un approccio al vivere che dia valore all’ascolto, alla capacità di sognare, alla lettura. Perché in una società che mira solo al profitto e all’utile, un libro è anche questo. Fermarsi per ascoltarsi. Sostare. Pensare, immaginare. Scendere nella profondità per capire, risalire e andare avanti. Oltre. Per credere che sia possibile un cambiamento, una Sicilia nuova”.

siciliadunquepensp-logoIl tema dell’edizione di quest’anno è “Esercizi di libertà”. E l’incontro di apertura – giovedì 6 ottobre alle 18, nella libreria Ubik di via Kennedy – sarà una “Conversazione su Herta Müller”, la scrittrice tedesca di origine romena che nel 2009 ha avuto il premio Nobel per la letteratura (la motivazione: «Con la concentrazione della poesia e la franchezza della prosa, dipinge il paesaggio degli spodestati») e che ha scritto libri straordinari sulle condizioni di vita in Romania durante la dittatura di Ceausescu (dai primi anni Settanta alla rivolta del dicembre 1989); di Herta Müller parleranno Margherita Carbonaro e Slavo Serc, che hanno curato la traduzione in italiano delle sue opere.

Obiettivo di “Sicilia dunque penso” è, anche, promuovere la partecipazione attiva degli studenti nel ruolo di lettori, animatori dei dialoghi con gli autori ospiti, interpreti di brani musicali e letterari, creatori di piccole istallazioni o di altre espressioni artistiche. Gli studenti in tal modo non saranno solo fruitori ma anche promotori e diffusori di cultura. Venerdì 7 ottobre alle 11 nell’aula magna del liceo “Ruggero Settimo” lo scrittore Andrea Carlo incontrerà studenti e docenti delle scuole cittadine.

Il successivo appuntamento sarà venerdì 14 ottobre, al Consorzio universitario (corso Vittorio Emanuele),  con  “Esercizi di Libertà”: lettura ad alta voce di passi tratti da opere letterarie, esecuzioni di brani musicali e performance artistiche ad opera degli studenti degli istituti superiori della città.

Nel pomeriggio dello stesso venerdì 14 ottobre, alle ore 18, al Consorzio universitario di corso Vittorio Emanuele, incontro con la scrittrice Elvira Seminara”, che parlerà in particolare del suo ultimo libro “L’atlante degli abiti smessi”; seguirà un incontro con Luciano Del Castillo, fotoreporter dell’Agenzia Ansa, sul tema “La libertà di espressione difesa dall’immagine”.

Sabato 15 ottobre sono previsti, nel pomeriggio, altri due incontri al Consorzio universitario: dapprima con la sociologa Graziella Priulla e con Roberta Fuschi, autrice del libro “Violenza de-genere”; il secondo incontro sarà con lo scrittore Leonardo Caffo su “La vita di ogni giorno”.

Domenica 15 ottobre in programma dalle 9 alle 12,30 “Visioni urbane: Caltanissetta tra quattro quartieri”, maratona fotografica, dedicata agli studenti delle scuole superiori, a cura dell’Associazione culturale “Fotonauti” di Caltanissetta con la supervisione del fotoreporter Luciano Del Castillo. Nei giorni 14, 15, e 16 ottobre al Consorzio universitario di corso Vittorio Emanuele saranno allestite una mostra fotografica di Luciano Del Castillo intitolata “Microcosmos”, e una mostra fotografica collettiva dell’associazione culturale “Fotonauti” intitolata “Esprimersi… in libertà – differenti visioni di uno stesso concetto”.

In alto