Cronaca

Covid-19. Csa-Cisal: “Seus in prima linea, per il personale strutture ad hoc”

“Il personale Seus 118 è in prima linea nel contrasto al Coronavirus, mettendo a rischio la propria salute e quella delle proprie famiglie, e ha bisogno di ogni tutela possibile: la società ha già fatto molto ma chiediamo più dispositivi di sicurezza, nuovi turni, tamponi periodici, zone franche per sanificare le divise e strutture ad hoc per ospitare chi è maggiormente esposto ai pericoli”. Lo scrive Giuseppe Badagliacca del Csa-Cisal in una nota inviata ai vertici della Seus e all’assessore regionale alla Sanità
Ruggero Razza.
“Per chi lavora sulle ambulanze non esistono né ferie, né smart
working – spiega Badagliacca – e il personale sta mostrando un senso del dovere encomiabile, ma i lavoratori hanno paura di poter essere contagiati o, peggio, di poter contagiare i propri cari. Il Csa-Cisal chiede pertanto l’adozione di alcune misure straordinarie: bisogna rivedere i turni, visto che i tempi medi di intervento sono passati da un’ora a 3-4 ore e che per sanificare un’ambulanza spesso ci vogliono anche tre ore;

sostenere i dipendenti con un supporto psicologico per
affrontare al meglio lo stress; garantire tamponi periodici con
risultati in tempi brevi e stanze dedicate alla svestizione e
sanificazione delle divise, oltre a strutture in cui ospitare i
dipendenti che ne facessero richiesta per consentire il loro
isolamento dalle famiglie. Piccoli ma fondamentali accorgimenti per aiutare questi lavoratori a operare con serenità”.

In alto