Politica

Dimissioni in massa dai “Centristi per la Sicilia”: va via l’intero gruppo dirigente di S.Cataldo

Effetto domino in provincia di Caltanissetta, dopo le dimissioni del segretario provinciale Angelo Bellina, del Presidente Provinciale Oriana Mannella ora l’intero gruppo dirigente dei “Centristi per la Sicilia” della Città di S. Cataldo ha abbandonato in massa il partito; con una nota il segretario cittadino Valerio Ferrara e altri dodici iscritti dichiarano di non sentirsi più rappresentanti dal deputato regionale Gianluca Miccichè, accusato di essersi dimenticato di S. Cataldo: “… facendosi sordo e assente e confermando con le proprie azioni di perseguire il proprio impegno solo per pochi e non per tutti”.

Il Testo completo della nota pervenuta in redazione:

“Lo scrivente Valerio Ferrara, nella qualità di  segretario cittadino de “I Centristi per la Sicilia” impegnato anche all’interno del direttivo provinciale e regionale, a nome proprio e dei componenti sancataldesi del movimento ( il segretario giovani Alessia Ferrara, Maria Amico, Gianluigi Giglio, Rosario Alessi, Salvatore Mirisola, Rosario Riggi, Marta Pia Ferrara, Angela Ilardi, Aldo Orlando, Michael Riggi, Rosario Inglese e Domenica Miserandino), comunica che in data odierna si è dimesso da ogni carica uscendo, contestualmente con il proprio gruppo, dal movimento non riuscendo più a trovare all’interno dello stesso la spinta trainante per una vera e sana politica.

Lo scrivente  è sempre stato attivo all’interno dell’UdC prima e dei Centristi dopo mirando a creare un forte dialogo con la cittadinanza e in ciò è stato spinto dalla condivisione dell’ideologia politica e perché riteneva che la presenza di personaggi di rilevanza regionale potesse fare da ponte dando voce ai Sancataldesi presso il governo regionale.

Lo spirito dello scrivente ha messo sempre in primo piano il concetto che il partito cittadino deve rappresentare una sana politica, con la P maiuscola, pronta a farsi servizio per il prossimo, dando delle risposte concrete senza nascondersi dietro a delle vuote parole.

Seguendo questo concetto, dopo un duro lavoro, Lo scrivente e il suo gruppo non si sentono più rappresentati dal politico di riferimento provinciale  all’interno del movimento (senza nascondersi dietro le parole mi riferisco all’On. Gianluca Miccichè).

“Tutti gli impegni di Miccichè sono comprensibili, ci rendiamo conto che il suo non è un compito facile, ma pensiamo che tutto ciò non può portarlo a dimenticarsi di chi lavora attivamente nel territorio. Per poter risolvere le problematiche a livello regionale è necessario partire dai comuni ma Miccichè si è dimenticato di noi facendosi sordo e assente e confermando con le proprie azioni di perseguire il proprio impegno solo per pochi e non per tutti”

A margine della nostra uscita dal movimento, a nome mio personale e di tutti i Componenti sopra elencati, mi preme ringraziare  per il lavoro svolto, il Segretario Nazionale Senatore Gianpiero D’Alia e il segretario regionale Adriano Frinchi rinnovando la nostra stima nei loro confronti.

Così si chiude la nostra esperienza con il movimento de “I Centristi per la Sicilia”, ma ci teniamo a sottolineare e ribadire con forza che la nostra azione non si chiude qui perché  resteremo sempre vicini  ai problemi di tutti i nostri concittadini perseguendo sempre i valori di una sana e attiva politica con una particolare attenzione per i poveri e i “dimenticati”.

  F.to Valerio Ferrara

(seguono le firme di tutti i componenti sopra citati)

In foto da sx Miccichè e Ferrara

In alto