Politica

Gela, Breast Unit, Assessore Gnoffo e Mancuso (FI): “Basta attese, vogliamo una soluzione definitiva”

“È inaccettabile che ancora oggi dopo tanti anni si parli di Breast unit senza certezze. Occorrono interventi immediati, azioni forti e soluzioni per dare speranza a tutte quelle donne che sono costrette a migrare al nord per ricevere le cure appropriate. La Breast unit consente di gestire il percorso del paziente con uno specifico training senologico multiprofessionale, in grado di garantire la qualità delle prestazioni e della vita dei pazienti e assicura nel contempo l’applicazione di percorsi diagnostici appropriati. Che ognuno secondo la propria competenza si assuma un impegno preciso per una definitiva e positiva risoluzione di questo percorso”. Così in una nota il coordinatore di Forza Italia per la provincia di Caltanissetta, on. Michele Mancuso, congiuntamente all’Assessore alla salute del comune di Gela, Nadia Gnoffo, in merito alla visita di qualche giorno fa della Commissione Regionale presso il presidio ospedaliero, per la verifica dei requisiti.

“Ritengo che oggi ci siano tutte le condizioni finalizzate a dare piena operatività all’unità operativa semplice dipartimentale. Mi sento coinvolta – afferma l’assessore Gnoffo – come donna e oggi come Istituzione. Sono stati fatti passi importanti ma non è abbastanza. Ritengo altresì importante che ognuno, secondo la propria competenza si assuma un impegno preciso e lo porti a termine in tempi brevi. Non possiamo più aspettare e non consentiremo mai che quanto ottenuto sino ad oggi potrebbe essere perduto. Qualsiasi sia la ragione. A Gela solo nel 2018 sono state eseguite 266 prestazioni. La mia attenzione sarà elevatissima rispetto a questa tematica e ci attiveremo con la massima urgenza nei confronti dei dirigenti dell’ASP al fine di ottenere tutte le azioni e i provvedimenti necessari finalizzati a garantire piena operatività all U.O. Le donne devono poter scegliere di curarsi nella propria città, in un centro di eccellenza e vicino ai propri cari”.

In alto