Cronaca

Gela. Dagli arresti domiciliari al carcere, condanna definitiva per un 23enne

Condanna definitiva per svariati furti ed evasione, la Polizia di Stato esegue provvedimento restrittivo emesso dall’ufficio esecuzioni penale della Procura della Repubblica di Gela.

L’arrestato deve scontare un cumulo di pene di cinque anni, sette mesi e sette giorni di reclusione.

I poliziotti del Commissariato di Gela giovedì scorso hanno eseguito un provvedimento restrittivo emesso dall’ufficio esecuzione penale della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gela nei confronti di Smorta Maurizio, gelese di ventitré anni, condannato in via definitiva per reati svariati furti, commessi tra il 2014 e il 2017, e per evasione, commessa nel 2015. Smorta deve scontare un cumulo di pene di cinque anni, sette mesi e sette giorni di reclusione. Il condannato, che si trovava già agli arresti domiciliari, dopo le formalità di rito, è stato condotto dagli agenti presso il carcere di Gela dove sconterà la pena.

In alto