Eventi

Il Rotary Club Valle del Salso concorre con un progetto al Bilancio Partecipato del Comune di Sommatino

Grande gara di solidarietà nel mondo delle associazioni a Sommatino. Il Rotary Club Valle del Salso, primo classificato nelle votazioni per il progetto di democrazia partecipativa avviato dal Comune di Sommatino, ha comunicato disponibilità ad una riduzione del contributo richiesto in preventivo, nell’intento di consentire l’accesso al contributo anche ad altri validi progetti di associazioni e nel perseguimento dell’interesse generale della comunità,
Il progetto, del Rotary, in linea col focus sul tema dell’ambiente lanciato quest’anno dal Governatore del Distretto Rotary 2110 Valerio Cimino, prevede il pieno recupero di un’area di verde abbandonata da decenni denominata Parco Robinson per consentirne il libero accesso agli spazi di relazione anche a soggetti portatori di handicap, mediante scivoli, rampe e attrezzature varie anche di svago.
Vogliamo e dobbiamo essere inclusivi e di conseguenza ci impegniamo ad intervenire sul nostro progetto originario – dice il dott. Luigi Loggia Presidente del Rotary – nel tentativo di effettuare ulteriori economie che, tuttavia, lascino impregiudicate la sostanza del progetto e la fruibilità del “Parco Robinson”. Un sentito ringraziamento al va Comune ed in particolare alla Sindaca che ha fortemente voluto questa iniziativa che esalta la partecipazione democratica dei cittadini.
“Accogliamo con soddisfazione l’iniziativa proposta dal Rotary che contribuisce a riqualificare uno dei parchi del nostro territorio sposando anche una parte di quello che era il nostro programma elettorale. – dichiara il Sindaco Elisa Carbone – Aggiungo che è molto bello ed emblematico il gesto del Rotary ed auspico crescenti occasioni di collaborazione tra i diversi soggetti del mondo del volontariato del territorio che possano arricchire la nostra comunità.”
Della disponibilità a rinunciare ad una parte del contributo richiesto, beneficerà l’associazione “Piccolo teatro stabile” di Sommatino che concorreva con il progetto “Romeo e Giulietta per ragazzi”, secondo classificato, che prevede un laboratorio teatrale con connessa rappresentazione da effettuare con ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado.

In alto