Archivio

Nissa Rugby, grande cura del settore giovanile

bambiniIn attesa dell’importante trasferta di domenica della prima squadra a Napoli, valida per la pool promozione per la serie B, la società del presidente Lo Celso, che è seriamente impegnata quest’anno su tutti i fronti dalle scuole rugby,  dai settori dei giovanissimi a quelle dei più grandi dell’under 18, si è concentrata sui raggruppamenti dei vivai, la prima squadra che tanto lustro sta dando alla città portando e rappresentando il nome di Caltanissetta nel sud Italia, e che sta portando un interesse economico di migliaia di euro, da gennaio a fine campionato gli albergatori e ristoratori del centro storico, per via dei soggiorni che le squadre avversarie fanno nella nostra città, hanno visto la presenza di almeno quaranta persone per ogni squadra ospitata dai nisseni, ha invece continuato la preparazione al prosieguo del campionato.

Sempre più intensivo il lavoro sul settore giovanile, che ha completato per quest’anno, con l’ultima partita disputata domenica scorsa il campionato regionale di categoria Under 18, che la società per il primo anno ha disputato. Grande successo ed entusiasmo sia per i ragazzi che si vedranno ora partecipi della prima squadra ma anche dalla società e dai tecnici D’Antona e Zambuto che soddisfatti hanno onorato e finito questo importante e arduo campionato.

Ancora si giocano  invece i campionati di categoria Under 16 e 14 regionali in cui bene stanno figurando i piccoli atleti e con tanto impegno ed entusiasmo anche loro ogni domenica girano la Sicilia con i colori ed i nomi della nostra città.

Oltre ai campionati regionali dei piccoli, sta nascendo un vivaio ancora più ampio, con le scuole rugby e le attività scolastiche under 12 e 10, che con tanto entusiasmo e partecipazione da parte di genitori e alunni, stanno partecipando al progetto della società nissena.

Nell’ambito del progetto scuola della Federazione Italiana Rugby, anche a Caltanissetta sono state avviate delle attività scolastiche coordinate dal responsabile, il tecnico Michele D’Oro, che si occuperà dei vari progetti che interessano i piccolissimi.

In particolare a Caltanissetta hanno aderito istituti comprensivi Pietro Leone, Lombardo Radice, Martin Luther King e la scuola primaria Leonardo Sciascia, a San Cataldo entrambe le due scuole primarie, il primo circolo didattico De Amicis e il secondo circolo didattico San Giuseppe hanno aderito al progetto. In tutte le scuole, che sono sostenute da società federali, quali Nissa rugby e Caltanissetta rugby club, si sono impegnati in prima persona nel progetto con i loro tecnici, per fare conoscere e fare crescere uno sport considerato di secondo piano, i tecnici impegnati sono Andrea Lo Celso, Michele D’Oro, Francesco Scarciotta, Salvatore Letizia, Flerida Cantella. Si calcola che quest’anno saranno coinvolti nel progetto circa trenta classi per un totale di oltre 700 alunni.

Per il punto di vista societario, in settimana si attende un incontro con il sindaco Giovanni Ruvolo, per capire se realmente,  come aveva promesso ad inizio anno, è pronto è disponibile a patrocinare in qualunque maniera la società in vista dell’importante campionato che sta affrontando, e per via degli aspetti economici e di notorietà che la società sta dando alla città e in vista di un futuro che se così fosse vedrebbe Caltanissetta e la Nissa rugby in serie B.

In alto