Sport

Nissa Rugby, tornano in campo prima squadra, under 18 e 16

Tornano in campo i quindici della Nissa Rugby dopo la sosta. La prima squadra, dopo il pesante KO contro i Briganti di Librino, è animata da un vibrante spirito di rivalsa. La compagine allenata da Alessandro D’Antona vuole tornare a vincere e riprendere la rotta che seguiva prima dell’amara trasferta in terra etnea contro i briganti di Librino. Domenica 19 novembre, difficile trasferta al “P. Natale” di Siracusa contro l’ostico Syrako Siracusa; inizio alle ore 14.30. Gara, di serie C del Girone 2, che si preannuncia combattuta ma, per gli alfieri della palla ovale della città di Caltanissetta non  ci sono alternative: è obbligatorio tornare al successo.

Duplice esame etneo per l’Under 16 e 18 di scena al “San Teodoro” di Catania. Le formazioni giovanili nissene sono reduce da un avvio di stagione non esaltante: solo sconfitte. Le due compagini sperano, dopo la sosta, di cambiare registro e di poter iniziare a vincere. La fame di vittoria che anima l’under 18, (gara al via alle 13) è rappresentata al meglio dalle parole di Giuseppe Urso: “Quest’anno per me è il primo anno di under 18 , ma già dai primi giorni di allenamento ho  trovato un ambiente familiare. Il campionato non è facile, specialmente per chi sale da una categoria inferiore. Non vi nascondo nulla; la prima partita, quando ho saputo di essere titolare, ho avuto paura: ero in preda al panico. Quel giorno arrivato allo stadio, un mio compagno mi chiese che cosa avessi,  perché  avevo un colorito strano. Io gli spiegai tutto e, dopo avermi ascoltato, lui mi disse ‘stai tranquillo , ci saremo sempre noi con te’. Da quel giorno  ho capito di non essere solo. Domenica si terrà per noi una partita importante, perché torniamo da un’amara sconfitta. In queste settimane ci siamo allenati con determinazione e voglia di fare sempre di più.  Noi siamo pronti”.

Sempre domenica 19 novembre, sempre al “San Teodoro” di Catania è di scena, alle 11.30, l’under 13. Anche per i ragazzi allenati da Fabrizio Blandi è forte la voglia di imprimere una svolta positiva alla stagione.

In alto