Cronaca

Pandemia da COVID-19, FSP Polizia di Stato: “Richiesta tampone per le forze dell’ordine e voi che potete, restate a casa”

Dopo le parole di vicinanza, dal governatore del Veneto Luca ZAIA, arrivano fatti concreti e tamponi per tutte le Forze di Polizia in quella regione. Il sindacato di Polizia FSP ha espresso la stessa richiesta anche al Presidente della Regione Sicilia.

Gli uomini e le donne della Polizia di Stato, al pari degli altri appartenenti alle forze dell’ordine ed agli operatori del settore sanitario, stanno fronteggiando un’emergenza straordinaria che non ha precedenti. Il senso di abnegazione e di appartenenza degli operatori di polizia, in questo momento storico, è paragonabile solo a quello dei medici e degli infermieri.
Gli operatori di sicurezza, in questi giorni concitati, sono impegnati in prima linea per fare rispettare i provvedimenti presi per contenere la diffusione del contagio da COVID-19. Pur operando con le precauzioni necessarie, é facile comprendere come tutte le attività connesse ad una tale strategia di difesa comportino, con vari gradi d’intensità, l’esposizione al contagio, soprattutto con soggetti asintomatici che rischiano di innescare una reazione a catena senza fine. Il nostro lavoro su strada, a volte, ci impedisce di mantenere la distanza di sicurezza, rischiando di venire a contatto con cittadini potenzialmente infetti. Alcuni operatori della polizia in servizio sono stati contagiati e ciò ha fatto scattare i protocolli sanitari attualmente previsti, riducendo il numero di operatori sul territorio con il conseguente rischio di chiusura di interi Uffici della Polizia di Stato.
Salvaguardare l’operatività delle forze di polizia, come quella dei medici e dei sanitari che rappresentano la prima linea in cui si combatte questa pandemia, è fondamentale per arginare e sconfiggere il propagarsi della infezione e quindi per garantire la salute, l’ordine e la sicurezza pubblica.

In alto