Eventi

San Cataldo. Il Vescovo nomina Mastrosimone Presidente della più antica Confraternita della Città

Salvatore Mastrosimone 58 anni (nella foto insieme all’Arciprete di San Cataldo, don Biancheri), da ieri è il nuovo Presidente della Confraternita del Santissimo Sacramento, il più antico sodalizio della Città di San Cataldo (CL). La nomina da parte di S.E. Mons. Mario Russotto è stata data ieri sera, al termine della Santa Messa. Mastrosimone è sposato ed è papà di due figli, Marco e Lara. Le sue prime parole da Presidente sono state “umiltà e servizio”.
La Confraternita si era riunita lo scorso 25 novembre 2018, per l’elezione della terna di nomi da proporre al Vescovo perchè ne scegliesse uno quale nuovo Presidente. Dopo che in Curia è arrivato il Verbale dell’avvenuta elezione e dopo aver raccolto le opportune informazioni sui candidati, il Vescovo, sentito il parare del Cappellano della Confraternita, l’Arciprete don Biagio Biancheri, ha provveduto a nominare nuovo Presidente il Sig. Salvatore Mastrosimone, per il triennio 2019-2022. Il Vescovo ha augurato al nuovo Presidente di “servire con zelo e spirito di fede la Confraternita del Ss. Sacramento in piena comunione di intenti e con spirito di umiltà e servizio con il Cappellano – nella persona dell’Arciprete – diffondendo sempre i valori della fede cristiana e della sana tradizione religiosa della Confraternita”. Infine nella sua lettera di nomina il Vescovo imparte la sua benedizione a lui e a tutti i confrati.
Salvatore Mastrosimone succede al Sig. Calogero Carmelo Randazzo che per ben sei anni ha guidato con grande zelo, spirito di umiltà e servizio la Confraternita e la Comunità della Chiesa Madre.
La Confraternita del Santissimo Sacramento nacque ufficialmente il 28 dicembre del 1654, quando il Vescovo di Agrigento, S.E. Mons. Ferdinando Sanchez de Cuellar, trovandosi a Caltanissetta per la Visita Pastorale, accolse la richiesta da parte di un gruppo di fedeli, provenienti dalla vicina “terra” di San Cataldo, di poter istituire una Confraternita sotto il titolo del Ss.mo Sacramento.

In alto