Archivio

Uil Poste: “Indecifrabile  gestione del servizio recapito all’Ufficio Postale Caltanissetta Leone” –

IMG_7629[2]Riceviamo e pubblichiamo:

L’esercizio del nostro ruolo di rappresentanza dei lavoratori ci impone parallelamente un’attenta vigilanza sulla corretta applicazione di regole di gestione del personale e del servizio, impiegate da chi coordina le attività, a garanzia della prestazione destinata alla cittadinanza.

Alla luce dei comportamenti e delle circostanze, fin qui registrate, ci ritroviamo obbligati a denunciare manifeste violazioni delle più elementari regole del servizio di corrispondenza e delle norme vigenti.

Numerose le zone di recapito non servite; personale idoneo al servizio di recapito della corrispondenza applicato quotidianamente alle lavorazioni interne, lasciando vaste porzioni della città non servite per settimane e costringendo l’utenza al servizio “FAI DA TE”, ovvero al ritiro della propria corrispondenza direttamente all’interno del centro di distribuzione; portalettere titolari di zona distolti dalla propria area di competenza per servirne altra, discriminando di fatto parte della popolazione nissena in favore di logiche sconosciute; personale portalettere di “scorta”, CTD, non utilizzato alternativamente in favore di più aree della città; introduzione di nuovi regimi di orario per il ritiro delle “raccomandate inesitate” senza la preventiva informativa alla Delegazione Sindacale ed alla cittadinanza, quest’ultima fortemente penalizzata dal “mezzo servizio” fornito dall’ufficio interessato per una cronica ed evidente carenza di personale, accentuata da una indecifrabile gestione delle risorse; violazione dell’art. 62 comma I, II, III e IV del vigente CCNL (Tutela dei diritti e della dignità dei lavoratori); indebite ed ingiustificate pressioni da parte del Resp.le sul personale che sfociano addirittura in minacce a discapito dell’incolumità fisica.

Abbiamo provato ad assumere posizioni di confronto, manifestando disponibilità ad affrontare le questioni su denunciate direttamente al Resp.le RAM1 Dott. Fabio Davì (responsabile dell’intero settore recapito della Sicilia Centro-Orientale); ciò nonostante, abbiamo dovuto registrare ripetuti tentativi di delegittimazione del nostro ruolo di soggetto sindacale.

L’irregolare esercizio della funzione da parte del Resp.le del centro in oggetto, sig. Luigi Biondi, ci vede costretti ad alzare il livello della protesta e ad intraprendere azioni di coinvolgimento della locale Amministrazione politica e della cittadinanza tutta.

Non intendiamo più tollerare ulteriori “aggressioni” al servizio; al personale; alla cittadinanza; al nostro ruolo di rappresentanza a tutela degli interessi della NOSTRA Azienda e dei lavoratori ivi applicati!

Distinti Saluti

Il Segretario Provinciale              Il Coord. Provinciale SP

     Fabio Puzzanghera                        Renato Giambra

In alto