Eventi

Un ponte verso il futuro. Sono di Caltanissetta e provincia i 4 ragazzi piazzati al 4° posto del CivicHack della Festa Nazionale del PNSD

Sono di Caltanissetta e provincia i quattro ragazzi che si sono piazzati al 4° posto del CivicHack della Festa Nazionale del PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale), svoltasi a Genova negli scorsi giorni. Gli studenti Alessio L’Abbate (Liceo Classico “R. Settimo” di Caltanissetta), Giuseppe Morfino (Liceo delle Scienze Umane “A. Manzoni” di Caltanissetta), Alexa Montana (Liceo Scientifico “Carafa” di Riesi) e Martina Callea (I.T.T. “Morselli” di Gela) sono stati accompagnati rispettivamente dalle prof.sse Giuseppina Iannuzzo, Loredana Burgio, Maria Cutaia e Giusi Muscia. Il progetto che hanno realizzato prende il nome di “Watch bus”: una start-up il cui obiettivo è quello di implementare l’utilizzo dei mezzi pubblici nel capoluogo nisseno tramite l’utilizzo di un bracciale, dotato di una tecnologia NFC, collegato ad una piattaforma di loyalty, grazie alla quale l’utente verrebbe premiato con “buoni sconto” da spendere nelle piccole imprese locali. Questo progetto coniuga l’esigenza di sostenibilità nelle nostre città e nelle nostre comunità (obiettivo 11 dall’ “Agenda 2030”) e l’esigenza di intervenire nel tessuto economico della città tramite l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia. “La nostra presenza – dice il portavoce del gruppo, Alessio L’Abbate – su un palco tanto importante rivela le infinite potenzialità della nostra città e ci dimostra come anche un piccolo centro dell’entroterra siciliano si possa fare promotore del progresso”. Ci auguriamo che parole così vibranti possano giungere alle orecchie dei nostri amministratori e ispirare azioni di sostegno nei confronti di progetti così pregevoli.
Dal Liceo Classico, Linguistico e Coreutico “R. Settimo” di Caltanissetta sono partite alla volta di Genova anche le cinque studentesse (Maria Loredana Campione, Gaia Drago Cordaro, Lucia Brugugnone, Lara Tumminelli e Vittoria Rizzari) che hanno superato la fase regionale del contest WoMEST, progetto pensato dal MIUR per avvicinare le ragazze alle materie STEM, grazie alla loro visione di “Caltanissetta 2050” che ha pensato ad una città finalmente sgravata da problemi viari.

In alto